Metti un attentatore sul lettino di uno junghiano: “Nella mente di un terrorista”

Cosa c’è nella mente di un terrorista, di chi si fa esplodere o si lancia con camion e coltelli su una folla inerme? Non si tratta di ricostruire, come è stato fatto dopo ogni attentato, la vita e le abitudini dei vari Abdeslam, Kouachi, Amri ecc. Nella “bulimia di notizie” che è seguita a ogni evento si è smarrito il motore dell’azione, la causa scatenante.
Quello che gli autori cercano di fare è psicanalizzare il terrorista, per capire cosa spinga un individuo a una scelta (auto)distruttiva, violenta, contraria al più forte degli istinti: quello alla vita. Continua a leggere Metti un attentatore sul lettino di uno junghiano: “Nella mente di un terrorista”

Annunci

La follia della guerra

La follia della guerra non è solo quella che deriva al conflitto, ma ne rappresenta la causa. Infatti quale persona sana di mente potrebbe volersi impegnare in un’attività tanto sanguinosa? Un ottimo strumento di studio e di divulgazione. Continua a leggere La follia della guerra